Tu sei qui

News Prodotto, SBK: KTM"Decisione entro settembre"

Dopo i successi nell'IDM, la Casa austriaca sta valutando i progetti sportivi 2011

C'è soddisfazione nelle parole di Gabriele Raccio, l'ingegnere italiano a capo del progetto KTM RC8 "Con dei piloti veloci siamo protagonisti dell'IDM - ci ha detto Raccio - dove sinora abbiamo vinto due gare e con Martin Bauer siamo al terzo posto in Campionato, mentre Stefan Nebel è al quinto. Se consideriamo che ci misuriamo con Case come BMW, Honda, Suzuki e Yamaha, possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati al secondo anno di partecipazione".

L'ingegnere italiano - che ha lavorato a lungo in Ducati - è a capo di una struttura di 16 persone (tra interni ed esterni) che oltre all'attività sportiva si occupa dello sviluppo dell'RC8.

Immancabile la domanda sull'eventuale sbarco nel mondiale Superbike: "Stiamo vagliando proprio in questi giorni i progetti per il 2011 e non escludiamo nessuna ipotesi ma è intenzione della KTM valutare qualsiasi possibilità con estremo realismo. L'Azienda è tornata in attivo e questo ci permette un maggior respiro ma un'attività internazionale è economicamente impegnativa e deve essere valutata con attenzione".

L'impressione è che la voglia e il potenziale ci siano ma debba essere valutata, ad esempio, la validità di un ingresso in Superbike oppure in Superstock. Alla luce dell'esperienza nell'IDM - il campionato tedesco - che ha un regolamento a metà tra SBK e STK, proprio la Superstock potrebbe essere il primo passo. Una decisione dovrebbe esserci, comunque, entro settembre.

Ricordiamo che ci sono due KTM che già corrono in Superstock ma sono assolutamente "private" ed affidate allo spagnolo Pere Tutusaus e all'italiano Nico Vivarelli, gestite dal team Goeleven, che fa riferimento ad un concessionario italiano della Casa austriaca. Tutusaus, attualmente occupa la 13° posizione nella FIM Cup con 25 punti.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti