Tu sei qui

News Prodotto, Rossi ha deciso: sarà al Sachsenring

Il fan club di Tavullia è partito per la Germania, per cui...cosa organizzeranno?

Il Dott Costa lo aveva "sdoganato" subito dopo l'incidente, quando tutti gli altri dottori avevano pronosticato quattro mesi di stop. Lui, invece, incurante delle Cassandre aveva detto: "Se Vale vuole lo rimetto in piedi in due settimane".

Esagerava, ma mica tanto. Quel che fece con Alessandro Gramigni (che poi vincerà il mondiale della 125) nel 1992, ne è la conferma.

Questa volta, però, Vale ha deciso di non fare proclami. E' stato quasi un mese zitto e poi, a poco più di quaranta giorni dall'incidente del Mugello ha ripreso in mano le redini della sua vita, cioè i mezzi manubri di una Yamaha R1 dapprima a Misano e quindi a Brno.

Ed ora gli amici - non li citiamo perché al Dottore non piace che si parli alle sue spalle - dicono che il fan club di Tavullia sta levando le tende, direzione ovviamente il Sachsenring. Ciò significa che il responso dell'ultima lastra è stato positivo.

Se una volta lì Valentino deciderà di correre non lo sappiamo. A buon conto Wataru Yoshikawa sarà lì, ma crediamo che Rossi non rinuncerà a farsi i suoi bei turni di prove perché, come ha detto questa settimana "non esiste allenamento migliore che andare in moto".

Dunque rivedremo il nove volte iridato al nuovo Sachsenring, dove peraltro, se deciderà di correre, lo farà senza la pressione di dover vincere. Chi scommette quantomeno su un podio?

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti