Tu sei qui

News Prodotto, Biaggi: le mani sul titolo

Nona vittoria di Max che allunga in campionato (+68). Rea 2°

Se in Gara 1 era stato Jonathan Rea a dominare indisturbato, nella seconda è toccata a Max Biaggi la passerella solitaria. A parte le schermaglie iniziali, il romano ha guidato come piace a lui, davanti a tutti, scegliendo le traiettorie e stabilendo lui il ritmo da imporre. Quando ha voluto è sceso sotto i due minuti poi si è stabilizzato, tanto gli altri erano lontani.

Il primo degli "altri" era proprio Rea che lascia la Repubblica Ceca con una vittoria ed un secondo posto, risultati che mancavano da qualche gara al pilota del team Ten Kate Honda. Michel Fabrizio ha provato a spingere ma si è dovuto accontentare della terza posizione lasciatagli da Ruben Xaus, caduto poco dopo metà gara. La Ducati è tornata veloce ma su questa pista non tanto quando l'Aprilia e la Honda. Crisi nera per Leon Haslam non è mai stato nella top five ed, anzi, è stato al limite della top ten. Il figlio di "Rocket" Ron non merita di "navigare" in quelle posizioni.

REA TENTA LA FUGA - Nuova partenza a razzo di Biaggi imitato da Cructhlow, ma è Jonathan Rea a condurre al termine del primo giro nel corso del quale c'è una nuova caduta di Max Nuekirchner, questa volta insieme a Tom Sykes (Kawasaki). Rea sembra voler ripetere il copione di Gara 1 ma Biaggi non è dello stesso parere e in breve si riavvicina al pilota della Honda, mentre alle loro spalle Ruben Xaus terzo fino al quarto giro, viene superato da Michel Fabrizio.

Al settimo giro Max rompe gli indugi, supera Rea portandosi al comando e comincia ad allungare, scendendo sotto i due minuti, battendo il suo record. Sotto gli occhi di Troy Corser che segue la gara dalla pista, Biaggi impone il suo ritmo al quale sembra rispondere in qualche modo il solo Rea, visto che un terzetto composto da Michel Fabrizio, Ruben Xaus e Nori Haga, viaggia a tre secondi dalla coppia di testa. Solo decimo Leon Haslam in evidenti difficoltà con la sua Suzuki.

MAX SALUTA LA COMPAGNIA - A metà gara la situazione è ormai chiara: Biaggi ha un margine di oltre un secondo su Jonathan Rea, che sembra a questo punto soddisfatto del podio, dopo la vittoria in Gara 1. Gli altri sono lontanissimi: Ruben Xaus - tornato in terza posizione - è a quasi sei secondi! Cal Crutchlow, che viaggiava in sesta posizione entra in pit lane con la gomma praticamente distrutta, la sostituisce e rientra in pista sia pure distaccato di un giro. Nessuna reazione da parte di Haslam che continua a viaggiare in decima posizione preceduto anche da Toseland, Checa e  dal compagno di squadra Guintoli.

Al quindicesimo giro - mentre Crutchlow stabilisce il nuovo record della pista - cade Ruben Xaus, al quale parte il posteriore, lasciando il terzo posto a Michel Fabrizio.

Biaggi, vista la situazione, rimane sopra i due minuti sul giro che gli consentono, comunque, di continuare ad aumentare il proprio vantaggio su Rea che non può essere insidiato da Fabrizio che si trova ad oltre cinque secondi dal pilota della Honda.

Nulla da segnalare fino alla fine della corsa che vede Max tagliare il traguardo in impennata, visto il vantaggio conseguito. Per il romano si tratta della nona vittoria dell'anno e soprattutto - fatti i dovuti scongiuri - una bella ipoteca sul titolo. In campionato, infatti, Max ha 352 punti ben 68 in più di Leon Haslam!

LA CLASSIFICA DI GARA 2

1	  3	Biaggi M. (ITA)	Aprilia RSV4 Factory	40'12.236 (161,268 kph)	
2 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 4.627
3 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 13.600
4 52 Toseland J. (GBR) Yamaha YZF R1 16.372
5 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 17.530
6 7 Checa C. (ESP) Ducati 1098R 21.704
7 50 Guintoli S. (FRA) Suzuki GSX-R1000 23.769
8 2 Camier L. (GBR) Aprilia RSV4 Factory 25.875
9 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 30.374
10 91 Haslam L. (GBR) Suzuki GSX-R1000 34.002
11 57 Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R 34.691
12 23 Parkes B. (AUS) Honda CBR1000RR 49.270
13 95 Hayden R. (USA) Kawasaki ZX 10R 1'03.258
14 35 Crutchlow C. (GBR) Yamaha YZF R1
15 15 Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R

Classifica campionato (dopo 8 round di 13): 1. Biaggi 307; 2. Haslam 270; 3. Checa 172; 4. Rea 158; 5. Haga 151; 6. Corser 149; 7. Toseland 138; 8. Fabrizio 131; 9. Camier 130 70; 10. Crutchlow 120

 

Classifica costruttori: 1. Aprilia 313; 2. Suzuki 283; 3. Ducati 250; 4. Yamaha 177; 5. Honda 169; 6. BMW 152; 7. Kawasaki 47

 

        
Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti