Tu sei qui

Tutti per uno, Stoner per tutti

Anche la squadra dell'australiano sotto pressione per l'offerta Honda

Dove guarda l'intero team di Casey Stoner? E' difficile dirlo, ma quel che è certo è che gli occhi di tutti sono puntati nella medesima direzione, perché la squadra capitanata da Bruno Leoni è di quelle unite, compatte, granitiche. L'unico paragone che ci viene in mente, nel paddock, era il team Aprilia di Rossano Brazzi: si muovevano come un sol uomo.

Anche quello di Jeremy Burgess, in Yamaha, è un gruppo unito, ma meno monolitico. Nel passato dal gruppo sono usciti elementi vecchi e ne sono entrati di nuovi.

Tutto questo per dire che se è vero (ed è vero) che il team che attualmente segue Casey Stoner ha ricevuto una offerta dalla Honda, per seguire il pilota australiano, è altresì innegabile che quando (e se) avranno deciso, si muoveranno tutti. Non solo Bruno Leoni o Christian Gabarrini (detto C2). Già, perché, se non lo sapete, in quella squadra non si chiamano mai per nome, ma per soprannome. Come i veri gruppi, come una tribù. E il loro sciamano, l'uomo delle magie, è Stoner.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti