Tu sei qui

News Prodotto, 125: la Lambretta non va piano

Il manager Casadei: "La nostra moto è all'altezza della concorrenza"

Lambretta ha debuttato quest'anno nel circo mondiale scommettendo su una classe certamente destinata alla chiusura nel 2012, quando arriverà la Moto3 con i motori 4t. Nonostante questo, la squadra gestita dalla Engine Enineering in collaborazione con CBC Corse, non si è presentata con materiale derivante da precdenti esperienze, ma ha sviluppato nuovi componenti per essere sempre più competitiva.

"La nostra moto - ha detto Nicola Casadei, Team manager della Lambretta - probabilmente non sarà ancora pronta per la vittoria, ma sicuramente possiamo andare a punti. A livello di prestazioni assolute siamo paragonabili ad alcune delle migliori private della 125. Lo dimostrano i dati della telemetria e i risultati fatti vedere, in termini di velocità massima, nei primi due gran premi".

All'inizio della stagione, la Lambretta schierava Louis Salom e Marco Ravaioli. Lo spagnolo ha abbandonato la compagine dopo Jerez, dove aveva conquistato un punto mondiale con la Lambretta.

"Nonostante la categoria vada verso una fine anticipata, la nostra moto sta continuando a crescere. Le velocità delle prime gare fatte con Salom, parlano chiaro, i commenti che vengono a volte dall'interno della squadra devono tenere conto delle oggettività dei numeri".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti