Tu sei qui

News Prodotto, Moto2: nuova carena per Elias

Il pilota spagnolo alla ricerca della massima velocità sul rettilineo di casa

I riflettori della Moto2 questo fine settimana si accenderanno sul pilota di casa Toni Elias. Il leader della classifica del mondo nello scorso week end di Assen ha fatto 100 e si portato a 24 lunghezze (24, come il suo numero di gara) dal suo inseguitore Shoya Tomizawa.

Barcellona è la gara di casa ed è importantissima – dice ridendo Fabrizio Cecchini, il capotecnico del pilota del Team Gresini Moto2 – ma sono quattro anni che Tono non ce la fa!”.

In effetti ce n'è sempre stata una: nel 2007 Elias correva in MotoGP e al quarto giro si ruppe il motore, nel 2008 fu costretto dalla Race Direction ad un ride-through per aver fatto il jump start, cioè la partenza anticipata; nel 2009 cadde mentre stava facendo un'ottima gara, circa all'ottavo giro.

Quali scaramantiche modifiche verranno quindi applicate per esorcizzare e soprattutto scongiurare questo storico trend negativo?

Cecchini ride mentre con una certa riservatezza svela l'asso che il Team Gresini calerà sul piatto, a partire da oggi: per il pilota di Manresa (cittadella a una trentina di chilometri dal circuito di Barcellona) è pronta una nuova carena.

Il confronto fotografico non le fa onore (a sinistra la vecchia, a destra la nuova), ma questo SUV su due ruote potrebbe veramente fare la differenza per coefficiente di penetrazione e per questo aspettiamo il primo turno di prove libere. La parola, come sempre, al cronometro!

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti