Tu sei qui

Lorenzo alla seconda pole

AUDIO Il maiorchino non si ferma più e si prende anche le prove di Assen

Lorenzo alla seconda pole

E' sempre più sereno Jorge Lorenzo, giunto all'alba della sesta gara del mondiale con la seconda pole position (la prima è quella dello scorso week end, a Silverstone).

Certo, man mano che il tempo passa e che passano anche le gare, il profumo della vittoria si fa sempre più intenso e non è facile, per il campione del mondo della 250, riuscire a gestire i pensieri molesti che  potrebbero indurlo ad un errore. Il chiodo fisso di Jorge in questo momento è infatti quello di finire la gara nel miglior modo: di vincerla – laddove è possibile – o comunque di terminarla con più punti possibile e mettere sempre il fieno in cascina.

“Non so se replicherò la gara di Silverstone – dichiara Porfuera – siamo in tanti ad essere veloci, soprattutto Stoner, De Puniet e Ben Spies. Stoner mi sembra più in forma rispetto alle altre gare e sicuramente avrà più opzioni di vincere. La mia M1 è un po' migliorata ma non ho ancora deciso con quali gomme girare perché mi sento a mio agio con entrambe: con le dure ho girato alto, in 24.6, ma vedremo domani nel warm up quale temperatura avrà l'asfalto, poi decideremo; sarà interessante vedere gli altri cosa sceglieranno. Nel frattempo ho adattato il mio stile alla pista che, l'ho già detto, è diventata un circuito normale, né bello e né brutto”.

Infine al leader della classifica viene chiesto, ancora, di Valentino: gli manca, non gli manca...?

“Si sente la sua mancanza nel mondiale, certo. La sentiamo tutti. A me piaceva confrontarmi con lui, non solo in pista ma anche parlandoci. Se però dobbiamo essere onesti bisogna ammettere che il fatto che lui non ci sia costituisce l'assenza di un rivale forte in più”.

Quello che vediamo oggi è un Jorge Lorenzo con il gas nella mano destra e la calcolatrice nella sinistra: il mondo intero si aspetta da lui la vittoria del mondiale e lui, seppur con 37 punti di vantaggio dal secondo nella classifica del mondo, non può ancora permettersi di abbassare la guardia per tirare un sospiro di sollievo.

{mp3}06GP_TTASSEN/lorenzovenolagpone{/mp3}

 

Articoli che potrebbero interessarti