Tu sei qui

News Prodotto, SBK: Biaggi vuole il poker a Misano

Il romano dell'Aprilia-Alitalia cerca la prima vittoria con la Superbike sul circuito romagnolo

Il campionato mondiale Superbike riprende dopo una sosta di tre settimane che sono state utilizzate da quasi tutte le squadre ufficiali per prepararsi in vista della seconda parte della stagione che inizierà, appunto, domenica prossima sul circuito di Misano per la gara di San Marino.


Sul Misano World Circuit si presenta come leader della classifica, quel Max Biaggi che vede la possibilità concreta di conquistare il titolo mondiale della categoria, il primo per un italiano. Il "Corsaro", reduce dalla terza doppietta della stagione conquistata a Miller, ha provato la scorsa settimana, lavorando molto sul passo gara, realizzando tempi interessanti senza utilizzare pneumatici morbidi. Da ricordare che Biaggi non ha mai vinto a Misano con la Superbike ma quest'anno potrebbe essere la volta buona per aggiungere anche questo trofeo alla sua collezione.


HASLAM AL LAVORO - Anche il suo più diretto avversario, Leon Haslam, è sceso a Misano per cercare di trarre dalla sua Suzuki-Alstare qualche altro decimo che gli permetta di stare al passo di Biaggi. L'inglese ha lavorato molto sulle sospensioni - avendo scartato al momento, stando alle dichiarazioni di Giacomo Guidotti, alle modifiche portate a Miller e Misano dal team belga - provando ad esempio la nuova forcella, uguale a quella usate da altri team ufficiali. In ottica di gara, la Suzuki ha trovato anche un Sylvain Guintoli molto veloce e che potrebbe essere la sorpresa di questo round.


DUCATI CI CREDE - A Misano ha lavorato molto anche la Ducati che ha utilizzato le giornate del WDW per mettere a punto le moto sul circuito che non la vede vincere dal 2007, quando Troy Bayliss realizzò una doppietta. E' stato proprio l'australiano a stabilire il miglior tempo dei test "rossi" (riservati alle sole Ducati) ma è stato anche l'unico a cercare il "crono" secco. Non considerando Troy, buon risultato per Michel Fabrizio che ha girato in 1'36" netti a circa mezzo secondo dal record ufficioso stabilito lo scorso anno Jakub Smrz. Poco più lento è stato Nori Haga, anche se tra i due si è inserito Carlos Checa, un altro dei favoriti per la gara di domenica.


Ha preferito lavorare, invece, sul circuito di Assen Jonathan Rea, tornato in sella dopo essere guarito dalle ferite riportate (al collo e al mento) nelle prove di Miller. Il pilota del team Honda Ten Kate, lo scorso anno ha vinto gara 2 a Misano e, quindi, se riuscirà a frenare il suo impeto va inserito di diritto tra i favoriti della gara.


YAMAHA A SECCO - Gara 1 dello scorso anno fu vinta da Ben Spies ma la Yamaha in questa stagione non ha ancora ottenuto alcuna vittoria. Cal Crutchlow è molto veloce sul giro secco ma in gara ha problemi che radio paddock attribuisce all'eccessivo consumo degli pneumatici sulla quattro cilindri giapponese. Non si è ancora visto, invece, il "vero" Toseland ex campione del mondo della Superbike.


BMW IN ASCESA - Chi sembra in grande ascesa è Troy Corser che si è sottoposto ad un vero e proprio tour de force in queste settimane provando la BMW sia al Mugello sia a Misano. L'australiano è ripartito dalla Romagna soddisfatto delle soluzioni provate, una delle quali sarà adottata sulle moto di Troy in questo week end.


Mentre viene annunciata la nuova Kawasaki ZX-10R 2011, la squadra anglo-giapponese continua a sperare in qualche exploit di Sykes, mentre Chris Vermeulen sta faticosamente guarendo dall'incidente di Phillip Island.


Per avere le prime indicazioni ufficiali, bisognerà attendere venerdì alle 12,45 quando, come di consueto, prenderanno il via le prime prove libere della settima prova del Mondiale Superbike 2010.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti