Tu sei qui

Prima pole di Lorenzo del 2010

Il maiorchino approfitta della lotta tra i piloti Honda e si prende il miglior tempo

Prima pole position del 2010 per Jorge Lorenzo (ma la 36a della sua carriera) e un numero di giri incredibile, 26 in totale, più di qualsiasi altro pilota della MotoGP. Fa parte del suo modus operandi macinare chilometri e – l'aveva annunciato – stare in pista il più possibile è il modo migliore di imparare un circuito, specie se ci si gira per la prima volta.

Il suo giro più veloce (2.03.308) sembra non aver tenuto conto delle molteplici buche che caratterizzano a detta di tutti questo tracciato, infatti il maiorchino ha dichiarato che questo circuito gli piace moltissimo perché è molto diverso da quelli che normalmente ospitano il mondiale; l'unico segno meno l'ha assegnato alla temperatura troppo fredda, che gli ha causato un forte torcicollo.

“Partire davanti è fondamentale per noi, anche perché Pedrosa e De Puniet sono fortissimi”. De Puniet domani partirà in prima fila (2°), non gli succedeva da tre anni.

E' apparso concentrato ma cauto, Jorge, quasi un giocatore di scacchi: veloce sì ma senza rischi. E alle domande su un probabile ritorno di Valentino in veste di compagno complice, un alleato che gli fornisce aiuto, ha risposto che non ci vuole pensare perché, di fatto, non sa quali saranno i pensieri del biondo di Tavullia al suo rientro nel mondiale. Jorge Lorenzo non ama pontificare successi a lungo raggio e rimane ancorato al week end, ragionando gara per gara.

Gli abbiamo fatto notare però la casualità di trovarsi in testa nel mondiale MotoGP in parallelo con il suo idolo, il pilota romano Max Biaggi, attualmente in testa al mondiale SBK...

“Solo dieci anni fa io correvo nel Campionato Spagnolo e Max era in testa al mondiale 500cc. Se mi avessero detto che oggi sarei stato in testa al mondiale MotoGP e lui a quello Superbike, non ci avrei mai creduto!”.

 

Articoli che potrebbero interessarti