Tu sei qui

News Prodotto, Lamborghini e Massei al Mugello

Nel CIV due giovani dominano nelle gare del sabato. Conforti nella Superbike

I diciannovenni Ferruccio Lamborghini e Fabio Massei hanno vinto due delle gare più combattute (insieme alla Superbike) della prima giornata del CIV al Mugello.

Le loro affermazioni - ed i loro crono - sono una risposta indiretta a chi dice che in Italia manca il vivaio: andrebbe solo valorizzato.


Nella Supersport una pessima partenza rischiava di compromettere la gara del poleman Ferruccio Lamborghini che, complice anche un contatto con Gianluca Vizziello, al primo giro era transitato al tredicesimo posto. In poche tornate il bolognese era alle spalle dei leader (Dionisi, Migliorati, Tamburini e Vizziello) e al nono giro passava in testa vincendo davanti agli stessi Ilario Dionisi (Honda) e Roberto Tamburini (Yamaha). Il pilota del team Media Action guida ora il campionato con cinque punti di vantaggio, mentre l'ex leader Vizziello - oggi quarto - è sceso al terzo posto.


Terza vittoria in tre gare per Fabio Massei, dominatore assoluto e sicuro della Superstock 600. Il romano, passato in testa al secondo giro, alla fine ha preceduto di oltre tre secondi Lorenzo Zanetti e Giuliano Gregorini. Vero terremoto in sede di verifica: ben sei piloti squalificati per irregolarità tecniche, tra i quali Dino Lombardi (4°) e Federico D'Annunzio (12°).


Luca Conforti ha vinto la Superbike che ha visto il dominio delle Ducati del Barni Racing Team che hanno occupato l'intero podio. Infatti, alle spalle del bresciano, si sono classificati Stefano Cruciani - protagonista di un violento contatto con il vincitore - e Alessandro Polita. Il tris del team bergamasco è stato in qualche modo favorito anche dalle cadute di cui sono stati vittime Giovanni Sandi, leader nei primi giri, e Flavio Gentile. Quest'ultimo aveva guadagnato circa cinque secondi sui suoi avversari ma è scivolato al decimo giro, lasciando via libera alle Ducati.


Nella Superstock 1000 povera di partenti (solo 20) si è imposto Luca Verdini (Honda) che ha vinto le resistenze del leader del campionato Ivan Goi (Aprilia) e del poleman Marco Muzio (Honda). Bussolotti che era nel gruppo dei primi ha "mollato" concludendo in quarta posizione.


Infine, ma non ultima, la 125 GP dove il giovanissimo ceco Miroslav Popov (Aprilia) ha vinto con grande autorevolezza - oltre sette secondi! - precedendo Francesco Mauriello (Aprilia) e Kevin Calia (Rumi). Popov guida il campionato con quattro punti di vantaggio su Mauriello e cinque su Tonucci, oggi solo 15°.


Domani, domenica, seconda serie di gare
con inizio alle 13,40 (Superbike) mentre   nella mattinata si svolgeranno le tre gare della R Cup Yamaha.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti