web counter
Tuesday, 21 October 2014
Italian English

QAT

AME

ARG

SPA

FRA
ITA

CAT

NED

GER
INP

CZE

GBR

RSM

ARA

JPN

AUS

MAL

VAL

AUS

ARA

NED

ITA

GBR

MAL
ITA

POR

USA

SPA

FRA

QAT

Print

MotoGP, Dovizioso: abbiamo lavorato per il futuro

Monday, 12 May 2014 19:14 by rm - MotoGP

Andrea Dovizioso - GPOne.comDucati si è presentata al Mugello al gran completo: a provare le ultime novità tecniche c’erano Andrea Dovizioso, Cal Crutchlow, Andrea Iannone e il collaudatore Michele Pirro. Una giornata proficua in cui i due ufficiali hanno potuto provare un nuovo telaio. Non dovrebbe essere una ciclistica completamente rivoluzionata per quanto riguarda rigidezze e geometrie ma consentirebbe un maggior range di regolazioni, segno che l’attuale è già forse al limite.

Il nuovo telaio non era a disposizione di Iannone che è comunque stato il più veloce di giornata e il pilota che riusciva a scendere più facilmente sotto il 1’48”. Il pilota di Pramac sarà anche domani al Mugello per ulteriori test – anche se le previsioni meteo non sono promettenti – insieme a Bayliss e Baiocco sulla Panigale e Pirro sulla Desmosedici. Incerta la presenza di Crutchlow, mentre è sicura l’assenza di Dovizioso.

Il Dovi - protagonista di un'innocua caduta alla Materassi - oggi ha completato 67 giri il migliore dei quali in 1’47.9. “E’ sempre importante poter fare un test al Mugello prima della gara, e comunque avevamo dei nuovi set-up da provare. E’ stato interessante: niente di rivoluzionario, ma comunque queste prove che ci servono per la moto futura. Ho ottenuto dei buoni tempi, ma quando non sono presenti gli avversari non bisogna dargli troppa importanza. Siamo comunque più veloci dell’anno scorso. Verso la fine della giornata sono scivolato alla curva 4 perché ho perso l'anteriore. Per fortuna non mi sono fatto niente, e mi dispiace per i miei meccanici che dovranno lavorare un po’ di più questa sera, perché domani partiamo tutti per la Francia”.

Dovizioso: abbiamo lavorato per il futuro - GPOne.comCal Crutchlow (55 giri, miglior tempo 1’48”2) ha fatto anche delle prove all’impianto frenante dopo i gravi problemi dell’ultimo GP di Jerez (nella foto: un air scope). “Oggi ci siamo dedicati a testare una serie di particolari – ha spiegato - Ho provato soluzioni diverse dal mio compagno di squadra e da Iannone, ma alla fine sono tornato verso il set-up di base della Ducati, e il mio feeling è migliorato. E’ stata dunque una giornata positiva, con buone condizioni climatiche, e quindi siamo soddisfatti delle prove e andiamo a Le Mans fiduciosi di poter fare bene”.