web counter
Monday, 22 December 2014
Italian English

QAT

AME

ARG

SPA

FRA
ITA

CAT

NED

GER
INP

CZE

GBR

RSM

ARA

JPN

AUS

MAL

VAL

AUS

ARA

NED

ITA

GBR

MAL
ITA

POR

USA

SPA

FRA

QAT

Print

MotoGP, Lorenzo: torno all'elettronica 2013

- MotoGP

Jorge Lorenzo - GPOne.comElettronica e gomme, sono le due note dolenti che oggi hanno fatto steccare Lorenzo che fatica a trovare l’accordatura della sua M1. Il maiorchino ha chiuso la sua giornata con il 5° tempo finale, dietro alle Yamaha Open e satellite dei due fratelli Espargaró. Un risultato che non può soddisfarlo in nessun modo, anche se Pedrosa e Rossi sono alle sue spalle.

Stiamo provando il nuovo sistema che ci permette di scalare senza frizione ma non funziona – spiega Jorge -  Spinge molto la moto in staccata e perdiamo molto tempo a ogni curva, è questa la ragione del distacco finale”. Questa la prima parte dei problemi, poi si passa alle gomme. “Sia lo pneumatico posteriore morbido che quello duro non vanno bene e ho sofferto davvero molto – continua - Purtroppo Bridgestone non ha intenzione di cambiare tipo di gomme per questa pista e per noi è un disastro”.

Fino a qui sembrerebbe una vera e propria Caporetto, eppure Lorenzo non si dice troppo preoccupato. “Il problema più grosso è dato dalla nuova elettronica – sottolinea – Tornerò a quella 2013 e dovrebbero esserci subito dei miglioramenti. Per quanto riguarda le gomme, cercheremo di adattarci, anche se non è facile. Nello scorso test sembrava funzionare meglio la dura, questa volta la morbida”.

Di tutt’altro umore Pol Espargaró, che da debuttante si è tolto la soddisfazione di chiudere in terza posizione, davanti ai piloti ufficiali. “Questa mattina la pista non era nelle migliori condizioni e non siamo riusciti a progredire – spiega – Però, a fine giornata la pista è migliorata e abbiamo fatto un buon tempo. Penso che i piloti ufficiali non abbiano spinto al massimo e Marc non c’è, ma è comunque bello finire terzo. Oggi ho usato per la prima volta il cambio seamless e l’ho trovato straordinario. Abbiamo un po’ di potenza in più in ogni marcia e dà un aiuto in diverse aree, come a centro curva o per l’impennamento. Mi sono sentito veramente bene in moto”.