web counter
Wednesday, 17 September 2014
Italian English

QAT

AME

ARG

SPA

FRA
ITA

CAT

NED

GER
INP

CZE

GBR

RSM

ARA

JPN

AUS

MAL

VAL

AUS

ARA

NED

ITA

GBR

MAL
ITA

POR

USA

SPA

FRA

SDA

QAT

Print

MotoGP, Jorge Martinez: spunta la pista Ducati

Monday, 07 October 2013 19:00 by Ernesto Emmi - MotoGP

Jorge 'Aspar' Martinez - GPOne.comIn questa settimana Jorge Martinez deciderà il futuro della sua squadra. E non c'è più solo la scelta fra Aprilia ed Honda, come abbiamo anticipato, nelle possibilità dell'ex iridato che ha già sotto contratto Nicky Hayden e non ha ancora liberato Aleix Espargarò.

'Aspar', infatti, nel 2014 potrebbe anche correre con Ducati. Tutto dipenderà dalla decisione di Gigi Dall'igna che sta sfogliando la margherita ma ormai sembra sempre più intenzionato a tornare in MotoGP accettando l'offerta della casa bolognese.

"Io voglio vincere, migliorare, far crescere la mia squadra - ci ha detto il manager spagnolo - dal punto di vista economico potrei rimanere così come sono, ma se Gigi andrà via dall'Aprilia non rimarrò più con le Art. Conosco Dall'Igna dal 1995, siamo molto legati e via lui sparirebbero le garanzie di sviluppo della RSV-4".

Jorge Martinez non conosce ancora le decisioni dell'ingegnere veneto, ma sa come stanno andando avanti le cose.

"Ho saputo che l'Aprilia non darà a Gigi il budget che lui ha richiesto per fare uno sviluppo interessante del progetto. Per questo ho già parlato con la Honda e nei prossimi giorni approfondirò il discorso in Malesia anche con Ducati. Il problema in questo momento è il tempo: non siamo in giugno, ma in ottobre e devo dare risposte a tutti, in particolare agli sponsor, ma anche ai piloti. Voi sapete come sono: vogliono avere garanzie tecniche".

Per la Ducati, invece, il discorso è diverso: ingaggiando Gigi Dall'Igna non avranno garazie tecniche nel breve periodo ma compereranno con l'ingegnere veneto un bene insostituibile: il tempo. Quello che serve loro, infatti, è poter presentare alla Phillip Morris e agli altri sponsor un progetto credibile, senza il quale, dopo tre anni di insuccessi, potrebbero avere grosse difficoltà a confermare il budget necessario a non far crollare tutto come un castello di carte.