web counter
Martedì 30 Settembre 2014
Italian English

QAT

AME

ARG

SPA

FRA
ITA

CAT

NED

GER
INP

CZE

GBR

RSM

ARA

JPN

AUS

MAL

VAL

AUS

ARA

NED

ITA

GBR

MAL
ITA

POR

USA

SPA

FRA

SDA

QAT


Rossi: la caduta ha tolto tempo prezioso

Sabato 29 Settembre 2012 17:20 di Matteo Aglio - Audio

Valentino Rossi - GPOne.comLa fila di partenza sarà la terza, ottavo tempo per Valentino Rossi nelle qualifiche di Aragon, una mezza delusione dopo il podio di Misano. La situazione in Spagna non era facile, il vantaggio di avere disputato dei test sulla pista questa volta era a vantaggio degli avversari e a complicare le cose si sono messi anche il maltempo e una caduta nel bel mezzo del turno. “Alla fine siamo già stati fortunati ad avere almeno un turno sull’asciutto” la consolazione del Dottore. Per quanto riguarda la scivolata, la spiegazione è semplice: “la curva in cui sono andato a terra è la prima destra dopo tante a sinistra, probabile che la gomma su quel lato non fosse abbastanza calda – dice – Inoltre nel cambio di direzione la moto mi si è impennata leggermente e in inserimento l’anteriore non era abbastanza carico, ed è scivolato via”.

Non tutto però è da buttare: “qualche cosa l’abbiamo capita, purtroppo quella caduta ci ha fatto perdere tempo e avevamo bisogno di fare qualche giro in più –assicura il pesarese – Speriamo domani in un warm up asciutto, abbiamo qualche idea da provare. Alla fine, la terza fila non è male, bisogna considerare che Honda e Yamaha qui partivano un po’ avvantaggiate, avendo fatto i test”. I 60 minuti senza pioggia sono serviti anche per confermare la nuova ciclistica. “Il forcellone non è male – sottolinea – e il vantaggio che ci dà in accelerazione mi sembra chiaro. Il più grosso miglioramento arriva comunque dal nuovo telaio, le sensazioni in entrata sono buone e mi permette di curvare più forte. Se sarà abbastanza lo vedremo in gara”.

Il potenziale su questa pista non è stato ancora sfruttato e domani il gap di più di un secondo dai primi potrebbe diminuire. “Oggi il mio livello era quello fatto vedere in prova, ma ho ancora margine – le parole di Valentino – Se domani ci sarà qualche grado di temperatura in più mi spetto miglioramenti, anche da parte degli altri. Da parte nostra dovremo trovare più trazione”. Le condizioni climatiche saranno fondamentali anche per la scelta delle gomme. “Se continuerà il freddo la morbida sarà obbligatoria, ma con un po’ di caldo in più si potrebbe usare la dura – illustra Rossi la situazione all’anteriore – Purtroppo non possiamo sapere con sicurezza quale sia la temperatura che permette questo cambio, un idea la abbiamo ma non avendo mai provato la dura in questi due giorni non si può esserne certi. Forse si farà la gara con un pneumatico che nessuno ha mai usato, può essere un rischio”. Per tutti, ma in questi casi esperienza e sensibilità sono preziosi alleati.

Ascolta l’audio

MP3 </audio>